Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Pillole di tecnica

Una serie di articoli tecnici che trattano un singolo aspetto e lo approfondiscono.

Curatore: Riccardo Innocenti


 

Sensore: ma quanto sei grande?

Guida all'interpretazione della dimensione del sensore

Tra le cose meno intuitive e incomprensibili in campo fotografico ci sono le dimensioni dei sensori. Non parlo del sensore Full Frame che, come molti sanno, ha le dimensioni della pellicola 35 mm, ovvero 24x36 mm. Non parlo nemmeno dell'APS-C, cioè del sensore più comune nelle reflex amatoriali e semiprofessionali, che, sia pur con alcune piccole differenze tra marca e marca, misura circa 17x26 mm.
Parlo invece dei sensori di quelle fotocamere, compatte, bridge, smartphone e qualche reflex, le cui misure sono espresse da un semplice rapporto 1:1.8", 1:2.5" e via dicendo. Ma che cosa significa questo rapporto e come è possibile trarne una misura comprensibile del tipo "lato1 x lato2"?

Indicatore del Piano dell'Immagine (questo sconosciuto)

Indicatore del piano dell'immagine

Image Plane MarkAlzi la mano chi "a bomba" si ricorda che cosa significa quel simbolo, presente sulle fotocamere reflex, costituito da uno zero tagliato da una linetta orizzontale (o verticale, dipende da dove è collocato)?
Alzi ora la mano chi sa perché un obiettivo macro, ad esempio un 100 mm macro, con una messa a fuoco minima di 30 cm, in realtà riesce a mettere a fuoco soggetti molto più vicini alla lente frontale dell'obiettivo?
Per chi è rimasto basito da queste domande, questa può essere l'occasione per apprendere qualcosa in più sulle fotocamere e sentirsi un po' Nerd. Per tutti gli altri, questa è l'occasione per dire "Io lo sapevo!".

Il simbolo in questione è collocato in genere sulla parte superiore della fotocamera e identifica la posizione fisica del piano della pellicola o del sensore. Questo segno ci permette di misurare il tiraggio del corpo macchina, ovvero, la distanza che intercorre tra il piano pellicola, o il sensore, ed il bocchettone d'innesto degli obiettivi. Inoltre, anche la distanza di messa a fuoco deve essere misurata a partire da questo punto. L'indicatore risulta indispensabile quando si devono effettuare riprese in condizioni in cui, per la messa a fuoco, è necessario misurare la distanza dal soggetto ed impostarla manualmente sull'obiettivo. Ad esempio, per foto macro o still life, quando non è possibile utilizzare l'autofocus o la messa a fuoco manuale attraverso il mirino.

La Fotocamera Impossibile

Qual'è la fotocamera ideale per il fotografo amatoriale?

Le tre caratteristiche più ambite per una fotocamera sono: le dimensioni (piccola e, soprattutto, sottile e leggera), il sensore (almeno full frame, 24x36mm) e con ottiche standard intercambiabili, ovvero, quelle già utilizzate anche sulla reflex a pellicola.
 
Le nuove fotocamere mirrorless (senza specchio) ad ottica intercambiabile sembrerebbero realizzare la fotocamera sognata.
Quasi tutte sono leggere, sottili (20mm in meno delle reflex) e qualcuna ha anche il sensore full frame.
Tuttavia, almeno uno di questi tre parametri è incompatibile con gli altri.